lunedì 12 marzo 2012

LA TORTA PASQUALINA

Gironzolando per i vostri blog si respira aria di primavera...il freddo dell'inverno ormai alle spalle, la voglia di vestirsi più leggeri, di uscire all'aria aperta, il desiderio di rinnovamento che questa stagione porta con sè, il mercato con le sue primizie fonte inesauribile di spunti ed idee...

Con la primavera poi finalmente giunge il momento di fare delle scampagnate magari in piacevole compagnia ed è per questo motivo che quando penso a ricette primaverili, mi viene subito in mente qualcosa che si possa godere in tutto relax distesi su un prato fiorito.

La prima classica gita primaverile, se il tempo lo permette, è quella del Lunedì di Pasqua, giornata da sempre dedicata a pic nic, grigliate ed attività all'aperto.

Nella nostra tradizione nel cestino per la gita "fuoriporta" di Pasquetta non è mai mancata la torta Pasqualina fatta dalla nonna, di cui ve ne scrivo una delle tante interpretazioni, perchè lei non sarebbe stata in grado di darmela - faceva tutto ad occhio - e perchè come vi ho scritto nel post precedente, in Liguria abbiamo una quantità infinita di ricette di torte salate che variano anche leggermente spostandosi appena di poche decine di km.

TORTA PASQUALINA



Non si può negare che questa torta abbia un nonsochè di scenografico dato dai diversi strati di sfoglia che
devono essere molto sottili ed in numero variabile, anche se i puristi indicano 33 (!!!) la quantità ideale - come gli anni di Cristo - dalle verdure con la ricotta e dalle uova intere, per cui per averle nel proprio pezzo regolarmente da bambini si litigava...

Non state ad impazzire con le sfoglie, quando ne fate 3 o 4 va più che bene, ma non usate nè pasta sfoglia nè pasta brisè, perchè il gusto cambia parecchio rispetto all'uso della sfoglia semplice all'olio d'oliva.

Nel ripieno potete usare le bietole da sole oppure mescolate con le erbe selvatiche oppure i carciofi...questione di gusti, nessun problema.


                                 Ingredienti

Per la pasta
farina gr 600
olio extravergine d'oliva 1/2 bicchiere
un pizzico di sale

Impastare la farina con l'olio, il sale e tanta acqua quanto basta per avere un impasto omogeneo e non eccessivamente morbido. Dividere l'impasto in 8 porzioni (una più grande delle altre) e lasciatele riposare coperte.
 Per il ripieno
bietole già pulite (o carciofi) kg 1
cipolla tritata 1 piccola
aglio 1 spicchio
ricotta o cagliata gr 300
Parmigiano grattugiato 8 cucchiai
uova intere 8
maggiorana fresca tritata
sale e pepe


Lavate le bietole, sgocciolatele e tritatele. In una padella scaldate 4 cucchiai di olio ed imbiondite la cipolla e l'aglio intero che poi toglierete, unite la verdura, salate e portatela a cottura a fuoco dolce, avendo cura di fare asciugare l'acqua. Fate intiepidire.

Aggiungete tutti gli altri ingredienti e 3 delle uova ed aggiustate di sale e pepe.

Foderate una teglia con la carta da forno, tirate la sfoglia dal pezzo più grande e rivestite la teglia facendo traboccare un po' la sfoglia. Ungete con un po'di olio d'oliva e mettere sopra un'altra sfoglia, ripetendo l'operazione con altre 2, senza ungere l'ultima. Versate il ripieno e livellarlo bene in superficie.

Con un cucchiaio ricavate cinque fossette e rompetevi dentro in ciascuna un uovo.



Versate un filo di olio sulle uova e cospargete con un po' di sale e pepe.

Coprite con una sfoglia, ungete con un po' di olio e sistemate le altre sfoglie sempre alternando con un filo d'olio.

Ripiegate i bordi della sfoglia posta sul fondo e finite con una bella spennellata d'olio.

Cuocete in forno a 180°C per circa 45 minuti o finchè la torta è ben dorata.



E vi lascio un segreto: c'è chi, per fare gonfiare le sfoglie a cupola, le sigilla bene e ci soffia dentro con una cannuccia...io ci ho provato, ma con scarsi risultati...da qualche parte l'aria mi esce sempre come da un palloncino bucato, più o meno velocemente :( e allora, un po' si gonfiano lo stesso in forno e poi se volete che la sfoglia faccia tutte quelle belle pieghe morbide sopra, quando tirate fuori la torta fatela raffreddare coperta con della carta da cucina e sopra uno strofinaccio, così che mantenga una certa umidità e non si secchi troppo.

Questa ricetta partecipa al contest di About Food



ed alla raccolta di Laura in cucina







11 commenti:

  1. ma che delizia!!! quanto vorrei poterne mangiare un pò! gnam! complimenti! bacioni

    RispondiElimina
  2. e' perfetta!pensa che a casa mia non e' mai stata fatta....quest'anno la portero' io per la prima volta sulle nostre tavole...grazie!

    RispondiElimina
  3. E' semplicemente perfetta e fa tanto primavera! Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Fatastica: identica a come la fa mia suocera...prima o poi ci provo anch'io!!

    RispondiElimina
  5. che buoooona!! spero di assaggiarla venerdi ;))

    RispondiElimina
  6. Ha un bellissimo aspetto! sembra ripiena sdi primaveraaaa
    per fortuna sei passata per ricordarmi del tuo contest, domani sono a casa e cucinerò qualcosa per teeeee!!! :)
    arrivoooo
    un bacio
    e grazie

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. che buona questa torta pasqualina e che bello ricordare le tradizioni!
    abbracci

    RispondiElimina
  9. Complimenti hai un blog molto bello! Adoro la torta pasqualina, la tua è splendida, mi piacciono tantissimo anche le foto! :-)
    Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  10. Non l'ho mai fatta e nemmeno mai assaggiata ma ogni volta che la vedo respiro aria di primavera, anche se fosse pieno inverno! Ti e venuta splendida e deve essere anche molto buona. Quasi d'obbligo il pic nic ^_^ baci, buon we

    RispondiElimina
  11. Ma com'è bella!!!! Complimenti!!
    Seguendo i tuoi dettagliatissimi consigli, proverò!!!
    Un bacio e a presto!!

    RispondiElimina